Il corso di laurea in Igiene Dentale è breve e il tempo passa davvero velocemente tra lezioni, esami e tirocinio.
In men che non si dica ci si ritrova a metà del secondo anno con la necessità di iniziare a pensare a qualcosa per a tesi.

Una cosa su cui vorrei rasserenare tutti gli studenti in cerca di idee è che non è necessario fissarsi con argomenti eclatanti e casi clinici rarissimi per fare colpo sulle commissioni di Laurea. Anche con lavori di revisione si ottengono risultati magnifici, soprattutto se si ricercano nuove evidenze su temi di cui si sa poco o di cui si parla sempre troppo poco (e la Dott.ssa Silvia Sabatini, presidente SISIO mi ha confermato questa teoria in una recente chiacchierata).

Si, perché il mondo dell’Igienista Dentale non è composto solo da malattia parodontale, indice di sanguinamento e perimplantiti.

C’è tantissimo altro dato dalla relazione con il paziente, dalla comprensione delle esigenze e delle esperienze dei pazienti e dalla ricerca continua di soluzioni per tutte le problematiche annesse al cavo orale.

Ecco allora che voglio darvi qualche spunto di riflessione su tematiche che, da ID laureata da tempo, penso possano essere di grande interesse e utilità per la professione:

1. Cosa sanno gli oncologi degli effetti collaterali a livello del cavo orale della chemioterapia?

Una indagine su cosa sanno davvero, cosa prescrivono e perché, sarebbe molto utile per capire a che livello inserire la figura dell’ Igienista Dentale sia per relazionarsi al paziente, sia per incontri di formazione con il personale medico.
Non è possibile oggigiorno sentire che viene prescritta solo Clorexidina a tappeto. Servono interventi di ben altro tipo: preventivi, di accompagnamento e terapie personalizzate.
Questa indagine sarebbe da svolgere su più livelli:
– cosa sanno gli oncologi
– cosa sanno i pazienti
– cosa sanno i dentisti
– cosa sanno gli igienisti

C’è lavoro per la tesi di 4 persone contemporaneamente… Immaginatevi il valore di quello che potrebbe emergere!

Partite da qui: http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_2139_allegato.pdf

Studenti, la nostra professione va ben oltre l’attività di rimozione di placca e tartaro… Tenetelo sempre ben a mente!!

2. Erosione dentale: il paziente nuotatore

Parliamo tanto di remineralizzare in questi ultimi anni ed è bene capire quali sono i pazienti che richiedono terapie remineralizzanti.
Che ne pensate di un bello studio sullo stato dei tessuti duri di una squadra di pallanuoto? Per cercare di trovare concretamente la relazione acqua clorata-erosione e proporre protocolli specifici?

Tra l’altro è già stato detto qualcosa, inserite su pubmed queste parole chiave:

Tooth erosion swimming pool
Tooth erosion Chloridated water

Iniziate a cercare i dati ricorrenti e provate a tirare le somme! Lavoro utile anche per una tesi compilativa, se non avete i pallanuotisti a disposizione.

3. L’esperienza del paziente con mascherine ortodontiche invisibili

Come vivono i pazienti, che sono nella maggior parte adulti, la terapia ortodontica con gli allineatori trasparenti tipo Invisalign?
Sapete che i Social Network offrono moltissimi dati sulle abitudini delle persone, vero?
Andate a leggervi cosa dicono i pazienti nel gruppi Facebook dedicati a questo tema: vi si aprirà un mondo!
L’altro giorno una persona ha scritto una post che diceva:

“ ma voi vi lavate davvero i denti tutte le volte prima di rimettervi le mascherine?”

Le risposte sono state molto interessanti da leggere, per un igienista dentale. E’ evidente che uno dei limiti di questa terapia è la poca praticità correlata ai pasti, e questo crea l’opportunità di indagare su vari fronti: – incidenza carie – incidenza erosione – incidenza pigmentazioni estrinsche – incidenza affezioni gengivali – modificazioni abitudini alimentari – livello compliance pazienti – come detergono i dispositivi… Per dirne qualcuna!

Osservate quello che dice la gente, cercate le risposte alle loro domande. Ne usciranno tesi di Laurea che incuriosiranno molto le Commissioni (composte da clinici che hanno interesse loro per primi a scoprire cosa pensano i pazienti, no?).

Allora che ne dite di una raccolta di tutti i commenti dei pazienti sui Social Network su questo tema? Lì si lasciano proprio andare, sono sinceri, anche di più che con il loro clinico di riferimento!

Chiaramente anche su questo è stato già detto molto: partite da “ clear aligner compliance” su Pubmed e… Divertitevi a trovare un nuovo modo di raccontare quei dati!

idee per la tesi igienista dentale

Queste sono solo 3 idee, ne ho molte altre in serbo per voi e presto ve le racconterò.

Nel frattempo vi segnalo che per farsi venire delle idee è utile partecipare ai Congressi dove vengano presentati i poster delle tesi e delle ricerche, andatevi a leggere che temi vengono trattati e in che modo, prendete ispirazione e perché no, contattate gli autori per valutare un proseguo del lavoro!

Vi segnalo , a questo scopo, il Congresso nazionale dei Corsi di Studio in Igiene Dentale: 2-3 ottobre 2020 a Novara.

Saranno presentate molte tesi di laurea, occasione d’oro per farsi ispirare!

Per il momento è tutto, vi lascio ricordandovi che anche qui sul magazine selezionando la categoria “Tesi di laurea” potrete leggere i lavori dei colleghi che hanno pubblicato la loro tesi su Tartaronline.

Per tutti coloro che volessero contribuire per questa sezione, pubblicando i loro lavori: mandate una mail a redazione@tartaronline.com.

Tatiana Rizzati
Direttrice e Co-fondatrice Tartaronline